martedì 29 luglio 2014

Come il Vaticano ha salvato lo Ior, tagliati 10mila clienti sospetti in due anni

Circa 10mila clienti cancellati dallo Ior in poco più di due anni, lo screening e la ripulitura dei conti 'pericolosi' compresi quelli di diplomatici e ambasciate, un nuovo quadro legislativo per definire non solo le norme antiriciclaggio ma anche quelle del finanziamento al antiterrorismo. E' stata rapida e tecnicamente delicata l'operazione salvataggio-Ior realizzata nel primo anno di pontificato da papa Francesco e dai suoi collaboratori, ma assai più drammatica e profonda di quanto non sia emerso fino ad ora.

domenica 27 luglio 2014

Periferia-Caserta, in 200mila con il Papa: tutela per l'ambiente e no all'illegalità

Ogni volte che il papa si sposta, anche quando lo fa per viaggi considerati 'minori' – sulla carta – la risposta popolare è fortissima, straordinaria piena di entusiasmo. E del resto se le poche ore di trasferta a Caserta erano, dal punto di vista dell'agenda vaticana, un appuntamento non di primissimo piano, è allo steso tempo un dato di fatto che la cittadina campana fa parte a pieno titolo di quelle 'periferie' del mondo che il Papa ha messo al centro del suo magistero e pontificato. Così sono arrivati in 200mila, in piazza Carlo III, davanti alla Reggia di Caserta, per ascoltare Francesco e per dimostrare, così come era già avvenuto durante la visita compiuta dal papa in Calabria, che le periferie, oggi, sono davvero il 'centro' della Chiesa.


martedì 15 luglio 2014

Il Sinodo anglicano vota le donne vescovo, la Chiesa di Roma cerca risposte sul celibato

Un altro tabù storico è stato infranto fra le confessioni cristiane del vecchio continente: la Comunione anglicana, infatti, cioè la Chiesa d'Inghilterra, ha approvato una riforma che permetterà anche alle donne di essere ordinate vescovo. Si tratta certamente di una tappa storica anche perché il dibattito è durato diversi decenni, è passato per varie votazioni e solo ieri ha ricevuto un netto 'placet' dalle tre istanze che compongono il sinodo anglicano: la camera dei vescovi, quella del clero e infine la camera dei laici. Per l'approvazione della norma era necessario un consenso dei due terzi in ognuna delle tre camere, cosa che per pochi voti era mancata nel 2012 quando fu la camera dei laici a bloccare la riforma. Ma già allora era opinione diffusa tanto fra gli osservatori quanto fra i vescovi anglicani che per la svolta fosse ormai solo questione di tempo. E così è stato.

lunedì 14 luglio 2014

Interrogativi e dubbi sul caso Papa Scalfari

Ci sono una serie di problemi  che emergono dalla vicenda Papa-Scalfari tali da far pensare a un incepparsi della macchina comunicativa bergogliana e forse a una pausa-stallo nello sviluppo del pontificato. In primo luogo la dura smentita di padre Lombardi aveva un limite oggettivo: ovvero non riportava l'esatta versione delle parole di Bergoglio su pedofilia, celibato ecc. Il colloquio privato comporta questi rischi, soprattutto, però, se avviene in assenza di testimoni o portavoce. Ne deriva una possibile equiparazione del papa - per via della smentita incompleta, delle parole virgolettate o meno, della pioggia interpretativa che accompagna il tutto - a un Mastella qualunque o a un B. d'annata ('non sono stato capito, mi hanno interpretato male' ecc.).


martedì 8 luglio 2014

Le cinque storie nere sulla pedofilia che hanno cambiato la Chiesa

Nel mea culpa pronunciato ieri dal papa di fronte ad un gruppo di vittime di abusi sessuali commessi da sacerdoti, c'è un passaggio particolarmente rilevante: quello contro “le omissioni da parte dei capi della Chiesa che non hanno risposto in maniera adeguata” alle denunce presentate dai familiari e dalle vittime; un comportamento che non solo ha provocato maggiore sofferenza, ma soprattutto “ha messo in pericolo altri minori che si trovavano in situazioni di rischio”. L'accusa, forse mai tanto esplicita, è rivolta all'interno stesso della Chiesa, a chi ha insabbiato e coperto. E fra questi ci sono molti cardinali.

Il cardinale Dario Castrillon Hoyos

domenica 6 luglio 2014

Il Vaticano indaga su S. Maria Maggiore, la via giudiziaria della S. Sede dove arriverà?

E' sotto processo in Vaticano l'economo della basilica di S.Maria Maggiore, monsignor Bronislaw Morawiec; la chiesa fa parte delle quattro basiliche patriarcali di Roma, è cioè uno dei luoghi simbolo del cattolicesimo, centro del culto mariano nella capitale, basilica amata dai pontefici e anche da papa Francesco che vi si è recato più volte a pregare da quando è stato eletto Papa.