lunedì 19 gennaio 2015

Il Papa alla conquista dell'Asia, strategie gesuitiche per l'estremo oriente

Il Papa vuole condurre la Chiesa alla conquista dell'Asia. Una conquista pacifica s'intende, portando il Vangelo nel continente più popoloso del mondo, aprendo le porte del cattolicesimo all'immensa riserva umana e spirituale che si stende ad oriente. E' questo uno dei motivi di fondo del pontificato, oltre le questioni legate alla riforma della Curia vaticana e all'aggiornamento sui temi della famiglia. Vent'anni fa Giovanni Paolo II arrivò a Manila in occasione della Giornata mondiale della gioventù (1995), e anche in quell'occasione milioni di persone accolsero il pontefice. Dunque se i numeri della visita di papa Francesco sono impressionanti, forse senza precedenti in assoluto, in Vaticano hanno imparato a non farsi illudere dalle masse oceaniche.


sabato 17 gennaio 2015

Bambini di strada in prigione, la scelta del governo filippino e la risposta del Papa

Nella megalopoli di Manila, 11 milioni di persone, ci sono poveri, senza tetto, vagabondi, disperati di ogni risma e baraccopoli. Questa umanità senza speranza comprende forse la categoria più povera e indifesa, quella dei bambini di strada. E proprio per incontrarli ieri mattina il papa ha realizzato un fuori programma recandosi a sorpresa - ma fino a un certo punto come vedremo – nella sede di una comunità, Anak Tnk, che accoglie i bambini di strada e prova a ridargli degli affetti, un futuro.



martedì 13 gennaio 2015

Rischio attentati in Vaticano? Interni, digos e Santa Sede smentiscono i servizi Usa

Il Vaticano non è un obiettivo del terrorismo fondamentalista, almeno per ora, in ogni caso la vigilanza intorno a San Pietro è stata rafforzata considerato l'allarme che si è diffuso in tutte le capitali europee all'indomani dei tragici attentati di Parigi. A dire come stanno le cose sono state tre autorevoli fonti differenti: il ministro degli Interni Angelino Alfano, il portavoce della Santa sede padre Federico Lombardi e il capo della Digos di Roma Diego Parente. In generale siamo di fronte a una smentita di quanto era emerso un paio di giorni fa da ambienti dei servizi segreti americani e israeliani circa il fatto che il Vaticano fosse uno dei prossimi obiettivi dei terroristi.

domenica 11 gennaio 2015

Il Papa rinnova la chiesa ligure, un coadiutore per gli scandali di Albenga

Ha quasi il sapore di un blitz la nomina di un vescovo coadiutore per la diocesi di Albenga-Imperia da parte di papa Francesco. Nella mattinata di ieri, infatti, è stato reso noto il nome dell' 'aiutante' di monsignor Mario Oliveri che avrà mandato ampio e soprattutto ha diritto alla successione. Allo stesso tempo Bergoglio ha nominato anche un vescovo ausiliare per Genova nella figura di monsignor Nicolò Anselmi, cresciuto nella diocesi del capoluogo ligure. Anselmi sarà il secondo vicario generale per Genova insieme a monsignor Marco Doldi, si allarga dunque la squadra che accompagna il cardinale Bagnasco nel suo lavoro; quest'ultimo del resto tra pochi giorni compie 72 anni, mentre 75 è la soglia oltre la quale un vescovo deve dimettersi dal suo incarico. Ma andiamo con ordine.

il vescovo ultratradizionalista di Albenga mons. Oliveri

lunedì 5 gennaio 2015

Rotta verso sud, il papa porta la chiesa nelle periferie del mondo (che diventano centro)

Il Papa porta la Chiesa a sud, cioè verso quelle periferie del mondo da lui stesso evocate in molti interventi pubblici e che ora diventano, concretamente, protagoniste del pontificato. Il Pontefice infatti ha annunciato la nomina di 15 nuovi cardinali elettori, cioè con meno di 80 anni e quindi con diritto di voto in un eventuale conclave, e di 5 cardinali emeriti, vale a dire personalità della Chiesa di cui si riconosce il valore ma ormai senza diritto di voto.