martedì 7 luglio 2015

Papa Francesco, compagni di strada e avversari dell'enciclica 'Laudato sì'

(articolo pubblicato su Internazionale)
Qualcosa è dunque avvenuto: l'enciclica del papa su ambiente e sviluppo – “Laudato si'” - ha aperto un dibattito globale; la Chiesa ha trovato alleati impensabili fino a poco tempo fa come Edgar Morin, uno dei maggiori intellettuali del vecchio continente, o la storica leader “no global” Naomi Klein che nei prossimi giorni sarà pure in Vaticano; un vasto arco di organizzazioni ambientaliste ha appoggiato e ringraziato papa Francesco – sfilando anche lungo le vie di Roma fino a piazza San Pietro - per aver dato voce, e in fondo una leadership finalmente riconoscibile e forte, alle ragioni dell'allarme per il cambiamento climatico e per aver fatto dell'ecologia tema non eludibile delle agende politiche internazionali. 



Mons. Zenari (nunzio), in Siria la guerra è come un uragano che distrugge tutto

Il nunzio apostolico a Damasco spiega a che punto è il conflitto siriano: alla tragedia si aggiunge ora la bomba della povertà. La situazione sanitaria è disperata. Le occasioni perse per risolvere la crisi. Il futuro del Medio Oriente passa dal riconoscimento dei diritti di cittadinanza per tutti i suoi abitanti, solo così le minoranze si sentiranno a casa loro.